Sala Consilina

Alla scoperta della civiltà villanoviana

Pubblicato il

Il termine sala, di origine longobarda, indica la sede del signore feudale, mentre l’attributo Consilina, assegnato al paese dopo l’Unità d’Italia, è riferito al “consilium”, un centro di epoca romana situato non lontano da Padula.

La presenza di grotte, dovute alla natura carsica del territorio, ha favorito insediamenti umani sin dall’epoca preistorica.

Inoltre, un fitta campagna di scavi ha messo in evidenza numerose testimonianze della cosiddetta “civiltà villanoviana”, risalente all’età del Ferro. In particolare è affiorata un’importante necropoli, costituita da circa 1500 tombe.

Il patrimonio archeologico di Sala è conservato nell’ “Antiquarium”, situato nell’ex convento dei Cappuccini.

Meritevole di nota è il Castello, fatto costruire nel 1076 da Roberto il Guiscardo. Da visitare anche gli edifici religiosi e i vari palazzi gentilizi.